che cosa fa il counselor
05 Giugno 2023

Che cosa fa il counselor: un approfondimento della figura

Il counselor è una figura professionale che si occupa di fornire supporto e aiuto alle persone in momenti di difficoltà durante la loro vita. Ma che cosa fa il counselor più nello specifico?

Attraverso un approccio non giudicante ed empatico, il counselor offre un ambiente sicuro e riservato in cui le persone possono esplorare le proprie sensazioni, emozioni, pensieri e comportamenti, al fine di ottenere una maggiore consapevolezza di sé e delle proprie risorse.

Il ruolo del counselor va oltre il semplice ascolto attivo, poiché lavora in modo collaborativo sostenendo i punti di forza e la capacità di autodeterminazione della persona, aiutandola a esplorare difficoltà relative a processi evolutivi, fasi di transizione e stati di crisi e, rinforzando la sua capacità di scelta o di cambiamento.

Che si tratti di gestire determinate paure, affrontare un ostacolo, o migliorare le relazioni interpersonali, il counselor è in grado di fornire un sostegno professionale e guidato per aiutare le persone a raggiungere il benessere e una soddisfazione ottimale.

Nel presente articolo voglio darti una panoramica esaustiva rispetto a che lavoro fa un counselor e a cosa serve il counseling, descrivendo in maniera dettagliata le caratteristiche della sua figura.

Counselor cos’è?

Oggigiorno la figura del counselor è altamente richiesta in differenti ambiti. Si tratta di un professionista esperto nel campo delle relazioni di aiuto.

Alla domanda che cosa fa il counselor è bene specificare come questa figura professionale si occupi sostanzialmente di aiutare le persone a comprendere e gestire i problemi, migliorare le relazioni interpersonali e raggiungere maggiore equilibrio con sé stesso e con gli altri.

I counselor si concentrano principalmente sul presente e sulle sfide attuali che le persone affrontano nella loro vita di tutti i giorni.

A cosa serve il counseling?

Come accennato prima, il counseling è un processo di sostegno volto a sostenere e supportare le persone che si trovano ad affrontare un momento delicato della propria vita, con il fine ultimo di aiutarle a raggiungere un miglior equilibrio con la propria dimensione interna.

Una delle principali utilità del counseling risiede nella sua capacità di fornire uno spazio sicuro e privato in cui le persone possono esplorare i loro pensieri e le loro preoccupazioni senza paura di essere giudicate. Il counselor ascolta attentamente e in modo empatico, offrendo un supporto non direttivo che favorisce la riflessione e la presa di consapevolezza.

Per capire appieno che lavoro fa un counselor, è necessario sapere che oltre a supportare le persone in situazioni di difficoltà, aiutandole ad avere una migliore comprensione di sé, si occupa di favorire lo sviluppo delle capacità di problem solving, fornendo strumenti pratici per affrontare le situazioni quotidiane.

Chi si rivolge al counselor?

Una domanda che può sorgere spontanea oltre a sapere che cosa fa il counselor, può anche fare riferimento a chi va dal counselor. La presente figura professionale può rivolgersi a persone di età differenti, ma anche a tutti coloro che arrivano da contesti e situazioni particolari e singolari.

Come già sottolineato, il counselor può aiutare chiunque a sviluppare una maggiore consapevolezza di sé e degli altri, migliorando così le dinamiche relazionali.

Le persone che si rivolgono al counselor possono essere anche coloro che cercano un sostegno nel processo decisionale o nel raggiungimento di obiettivi personali.

Quando andare dal counselor? Questa figura professionale può svolgere un ruolo di grande utilità per tutti gli individui durante il processo di esplorazione e individuazione delle proprie risorse, offrendo un supporto significativo nello sviluppo di strategie e piani d’azione concreti per raggiungere gli obiettivi desiderati.

Indipendentemente dalla situazione specifica, rivolgersi a un counselor significa intraprendere un percorso di crescita personale e di sviluppo del proprio benessere.

Chi può fare il counselor?

Il counseling è un’attività che richiede competenze specifiche e una formazione adeguata per poter svolgere al meglio il proprio ruolo. Come detto, il counselor è una figura professionale che svolge un ruolo fondamentale nell’aiutare le persone a superare difficoltà, risolvere problemi personali e migliorare il benessere complessivo della persona.

Ma counselor, come lo si diventa?

Per comprendere che cosa fa il counselor e come lo si diventa, è bene sapere prima di tutto che un professionista di questo genere può operare in svariati ambiti e contesti:

  • Ambito privato: individuale, di coppia, familiare, di gruppo;
  • Ambito comunitario: scolastico, religioso;
  • Ambito lavorativo: contesto aziendale.

Come è facile immaginare, per diventare un counselor competente e di alto livello, è necessario seguire un percorso di studi appartenente alla disciplina. L’obiettivo del percorso formativo è quello di sviluppare doti empatiche necessarie per mettersi nei panni dell’altro e creare un legame più profondo e funzionale con i propri clienti.

Una delle qualità fondamentali per diventare un counselor è infatti la capacità di ascolto, riuscendo a creare un ambiente accogliente, che trasmette sicurezza alla persona, nel quale la stessa può sentirsi libera di esprimersi.

Inoltre, credo sia bene sottolineare come si tratti di una figura in continuo sviluppo professionale e personale, che deve necessariamente rimanere aggiornata sulle nuove metodologie e i nuovi approcci.

Non ti senti appagato della tua vita professionale e fai fatica a bilanciare vita personale e lavoro? Visita il mio sito e contattami per richiedere subito una consulenza gratuita di 30 minuti.